5 cattive abitudini di studio

Vi siete mai chiesti come sia possibile che, a volte, pur avendo studiato non si riesce a superare un esame? Semplice: tutto dipende dal metodo di studio che viene applicato. Un metodo di studio errato e poco producente, è in grado di gettare uno studente in uno sconforto tale da demotivarlo per tutto il resto del suo percorso di studi. Il processo di apprendimento è ancora un po’ misterioso e sicuramente soggettivo, ma studi dimostrano che i processi più efficaci per studiare si hanno attraverso comportamenti altamente attivi per un certo periodo di tempo. In altre parole, per studiare in modo efficace, è necessario leggere, disegnare, confrontare, memorizzare e mettersi alla prova nel corso del tempo e con costanza. Vediamo insieme quali sono le peggiori 5 cattive abitudini di studio e in aggiunta le 5 abitudini sane da introdurre nella quotidianità didattica.

5 cattive abitudini di studio

5 cattive abitudini di studio

Le cattive abitudini di studio possono indebolire molti studenti. Le abbiamo elencate di seguito al fine che i lettori possano riconoscere meccanismi errati nel loro modus operandi e correggerli, in modo da potenziare lo studio e conseguire in migliori risultati scolastici o universitari.

1. Procrastinare

Procrastinare è una tendenza comportamentale dannosa non solo per gli studenti bensì per qualunque individuo che ha un obiettivo da conseguire. Si tratta di una vera e propria trappola da cui si rischia di non uscire se non si adoperano tattiche mirate. Continuare a temporeggiare infatti, o ad aspettare tempi migliori, non fa altro che posticipare la mole di lavoro ad un momento non specificato, che rischia di essere temporalmente troppo breve al fine di svolgerlo correttamente ed efficacemente. E’ importante sapere come evitare di procrastinare per appropriarsi finalmente degli impegni di studio in maniera seria. Fra le strategie capaci di mettere a freno questa pericolosa tendenza al rinvio, esistono anche numerose applicazioni per smartphone in grado di impedire l’accesso a social o altre fonti di distrazione in un arco di tempo impostato. Una di queste si chiama Freedom ed è capace di bloccare i social network pur consentendo di effettuare ricerche utili ai fini dello studio che si sta facendo. Oltre questa che abbiamo citato, scopri quali sono le migliori app per studenti.

2. Studiare nel posto sbagliato

In linea generale, uno studente dovrebbe evitare di studiare in posti ”soporiferi” (come il divano o il letto) o al contrario in luoghi di distrazione, come la spiaggia. E’ fondamentale che il luogo scelto per studiare, qualunque esso sia, infonda serenità e concentrazione. Puoi inizialmente provare diversi ambienti in modo da trovare quello giusto per te.

3. Essere circondati da distrazioni

Così come sconsigliamo di studiare a letto, per evitare di addormentarsi, allo stesso modo consigliamo di studiare con la TV accesa o davanti ad un PC da cui si è connessi a Facebook. Una strategia in questo caso, per evitare questa terza fra le 5 cattive abitudini di studio, potrebbe essere quella di impostare un tot numero di pagine da studiare per poter concedersi un piccolo break.

4. Studiare la notte prima

Puoi superare un esame o una verifica studiando disperatamente la notte prima, ma questa metodologia di studio non è adatta per essere applicata nel lungo termine, specie se il tuo obiettivo è quello di conseguire voti più alti e una maggiore comprensione di ciò che studi. Studiare richiede molto tempo, attenzione e energia, ma bisogna essere consapevoli del fatto che il cervello non funzionerà bene se privato del sonno notturno. Questo metterà a dura prova le tue possibilità di superare il test.

5. Studiare col gruppo sbagliato

Scegliere le persone giuste con cui studiare è un fattore importante per le tue performance di studio. Ad esempio, studiare con amici è molto consigliato, a patto che siate sufficientemente motivati e in grado di supportarvi a vicenda. Naturalmente, una sessione di studio di gruppo deve essere un fattore aggiunto all’esperienza didattica, e per ovvie ragioni bisognerebbe valutare se continuare, se ci si accorge che in gruppo aumentano le distrazioni. Scopri come formare un gruppo di studio efficace.

5 cattive abitudini di studio

Sostituirle con 5 abitudini sane che ti aiuteranno ad avere successo negli studi

1. Pianifica il tuo tempo

E’ facile essere sopraffatti da tutti gli obiettivi scolastici da dover raggiungere, specie se li addizioniamo agli impegni della vita privata. In questi casi pianificare il tempo e, quindi, lo studio, è un’attività importantissima capace di potenziare lo studio in maniera sorprendente, perché evita di dover studiare con fretta e quindi in maniera approssimativa.

2. Imposta degli obiettivi di studio

Un obiettivo di studio potrebbe essere costituito da un certo numero di capitoli, dal perfezionamento di una abilità didattica o semplicemente della capacità di andare avanti nello studio controllando i social network per un tempo sempre più ridotto.

4. Chiedi aiuto

Chiedere aiuto non ti deve imbarazzare. Che sia perché non hai capito completamente un capitolo, per migliorare le tue abilità di studio o anche per sfogarti su come ti senti, vedrai che dopo aver chiesto aiuto sarà tutto più semplice e ti sentirai più motivato a raggiungere i tuoi obiettivi.

5. Premia il tuo impegno

Il duro lavoro diventa più dolce dopo una ricompensa. E’ giusto e sano premiarti dopo aver conseguito un obiettivo di studio. Fosse anche con una passeggiata o l’acquisto di un gelato, ricorda che i momenti di svago sono tanto importanti quanto quelli di studio e impegno, in quando aiutano la mente a distendersi prima di affrontare una nuova fatica.

Be the first to comment on "5 cattive abitudini di studio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*