Come Studiare Di Notte

Prima di darvi qualche utile consiglio sul tema dell’articolo di oggi, vorrei ribadire ancora una volta che studiare di notte è quasi sempre controproducente! Di giorno il cervello è più fresco e quindi più incline a memorizzare i concetti. Alla fine della giornata, invece, si è sempre stanchi e le capacità di attenzione, concentrazione e memoria si riducono drasticamente. Detto questo, è però innegabile che a molti di noi è capitato di ritrovarsi a studiare fino all’ultimo secondo, anzi fino all’ultimo secondo dell’ultima notte prima dell’interrogazione o dell’esame. E il problema è sempre lo stesso: come fare per rimanere svegli e concentrati? Vediamo ora qualche tecnica utile per riuscire a studiare efficacemente di notte.

1. Studiare In Posizione Seduta

Innanzitutto, ricordatevi di studiare sempre in posizione seduta.  Se vi mettete a studiare sul divano o sul letto tempo dieci minuti e sarete già fra le braccia di Morfeo! Mettetevi quindi seduti su una sedia con un tavolo o una scrivania davanti e assicuratevi che la postazione sia abbastanza illuminata: la luce soffusa, infatti, vi farebbe stancare più velocemente conciliandovi il sonno.

2. Ascoltare Buona Musica

Se poi la cosa non vi distrae, può essere utile ascoltare della musica (magari con le cuffiette in modo da non disturbare nessuno): scegliete qualcosa che abbia un ritmo sostenuto ma non eccessivamente rumoroso. Qualche anno fa si discuteva molto del cosiddetto “Mozart effect” secondo il quale ascoltare musica classica (nello specifico proprio quella del famoso compositore austriaco), avrebbe aumentato le capacità intellettive dello studente. Riprendendo questa teoria, Spotify ha commissionato nel 2013 una ricerca volta ad approfondire i benefici della musica sulle performance dello studente. Quello che è emerso, secondo la Dottoressa Emma Gray del British Cognitive Beahaviour Therapy and Counselling Service di Londra, è che diverse tipologie musicali avrebbero diversi effetti sugli emisferi del nostro cervello, a loro volta coinvolti nello studio delle varie materie scolastiche. Dallo studio è emerso che la migliore musica per studiare Matematica è a) Le suites per violoncello n. 1, 5 e 6 di Johann Sebastian Bach, b) Le quattro stagioni di Vivaldi. Per studiare Storia e altre materie umanistiche è consigliabile ascoltare a) Il Greatest Hits dei Gun’s and Roses, b) Teenage Dream – the complete confection di Katy Perry. Per lo studio delle materie scientifiche, si consiglia invece di ascoltare l’album “19” di Adele.

3. Non “Ingozzarsi” di Bevande Energetiche!

Molti credono che per rimanere svegli di notte bisogna bere grandi quantità di bevande come caffè, the, guaraná o redbull! Anche se nel breve termine possono apportare i benefici sperati, dovete considerare che l’effetto di queste bevande eccitanti non solo a lungo andare vi affaticherà….. ma non finirà nel momento in cui avrete finito di studiare! Il rischio è quindi quello di non riuscire a dormire, facendovi passare il resto della giornata come degli zombie!! Quindi vi consiglio di assumere queste bevande con moderazione.

4. Passeggiare Per La Stanza

Ogni tanto, bisognerà alzarsi dalla sedia e camminare per la stanza: ciò è utile non solo per sgranchirvi le gambe e migliorare la circolazione del sangue, ma anche e soprattutto se dovete ripetere: la fase della ripetizione rischia infatti di essere noiosa e può esserlo meno se lo fate “in movimento”.

Condividi suShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Leave a comment

Your email address will not be published.


*