Saltare Il Test D’Ingresso? All’Estero Si Può….Ma Costa Caro!

Anche se con la recente approvazione del DL Scuola sono stati “ripescati” circa 2000 studenti, ogni anno sono sempre molti di più quelli che non riescono ad iscriversi alle facoltà a numero chiuso perché non riescono a superare lo scoglio del test d’ingresso. Tuttavia, oggi laurearsi in Medicina, Odontoiatria o Fisioterapia aggirando l’ostacolo del numero chiuso è possibile. Basterà semplicemente andare all’estero e sborsare una cifra compresa tra 50 e 60.000 Euro!! L’impegno è poco e non richiede nemmeno un trasferimento nel luogo che ospita l’università, ma solo brevi soggiorni della durata di quattro giorni al mese. Almeno secondo quello che promette un noto centro studi, molto riluttante a mostrare il suo brand fino al colloquio personale che avviene in una delle sue sedi. A portare alla luce questo “sistema” è un’inchiesta condotta dal noto portale Skuola.net. Vediamo come funziona.

Tutto inizia da una delle solite mail che ci arrivano ogni giorno sulle nostre caselle di posta. Ma l’oggetto di questa è davvero emblematico “Diventa Medico senza test d’ingresso“. Cliccando si viene indirizzati su una pagina che invita a compilare alcuni moduli online inserendo i propri dati personali, per saperne di più al riguardo. Infatti, il testo della pagina web è molto vago, anche se il messaggio inserito è chiarissimo: “laureati in Medicina aggirando l’ostacolo del test d’ingresso. Ti diamo la possibilità di realizzare quel sogno che qui in Italia ti viene negato. Basta iscriverti all’Università privata di Chiasso, a mezz’ora da Milano”. Semplice, no? Anche se l’oggetto e il messaggio della mail è chiarissimo, il mistero riguarda il mittente: è l’Università di Chiasso? Una scuola? Un centro studi privato? Altra cosa strana, è che in questa fase non viene fatto il minimo accenno a dei prezzi. Quindi, se si vuole indagare di più, si è costretti a compilare il form online! Quelli di Skuola.net, dopo averlo compilato, furono contattati telefonicamente da un operatore (anch’esso molto riluttante nel fornire informazioni precise!). Nessun riferimento anche in questa fase al costo, né tanto meno al nome dell’ente che organizza questa “operazione”. Si parla solamente dei desideri e della motivazione che spingono il candidato a voler diventare medico, parlando anche di come in Italia sia molto difficile che vengano assecondate le aspirazioni di uno studente. Il metodo che propone è invece semplice ed efficace: corsi semplici, periodi all’estero insignificanti, piccola prova di ammissione. Ecco il primo segnale di pericolo. Prova di ammissione? Ma non si era detto che questo serviva per saltare il test d’ingresso? Alla domanda di spiegazione, l’operatore risponde “Si, certo, si tratta di un pro forma, un piccolo colloquio conoscitivo per valutare il tuo livello“. Costi? “Ti fisso un appuntamento con la persona che può spiegarti meglio“. Insomma, per saperne di più bisogna arrivare al colloquio privato. Infatti, solo una volta in sede si scopre che ad organizzare tutto è un noto centro studi, conosciuto da molti per offrire corsi di preparazione agli esami universitari. Ed è proprio qui che vengono presentati con precisione i corsi. Vuoi laurearti in Medicina o Odontoiatria? Bisogna frequentare due anni all’Università di Chiasso e poi altri quattro all’Università di Sofia. Ma si può anche scegliere di partire subito per la Bulgaria. Insomma, Medicina richiede un trasferimento per un lungo periodo, non qualche giorno come assicurava l’operatore al telefono! Inoltre, scoglio non da poco, i corsi sono tutti in inglese. E se non voglio trasferirmi? Viene proposto di frequentare un corso di laurea in Fisioterapia.

laurea

Chi vuole diventare fisitioterapista deve frequentare un corso della durata di 4 anni, che si può frequentare o a Chiasso o a Madrid, all’Universidad Camilo Josè Cela di Villanueva de la Canada. Quindi, a differenza di Medicina, non si è costretti ad andare all’estero. Basta andare ogni tanto “a farsi vedere”, quattro giorni al mese. E gli esami? “A quelli vi prepariamo noi” risponde l’interlocutore. Insomma, il tutto sembrerebbe una passeggiata! L’unico ostacolo (diciamo una muraglia cinese!!) è rappresentato dal costo del corso: il prezzo oscilla dai 48.000 Euro, se si decide di pagare il conto in un’unica soluzione, ai 60.000 se si decide di rinnovare l’iscrizione anno per anno. In questo caso, il primo anno costa 19.000 Euro (di cui 9.000 solo di tasse!). Queste incredibili cifre comprendono casa, ci tengono a precisare, sono comprensive di tutto: dalle pratiche burocratiche, all’iscrizione, passando per la preparazione degli esami. “Sono un investimento per il futuro e poi possiamo dividere il pagamento in rate“, dice l’interlocutore. Ma oggi chi può permettersi queste cifre? Prevalentemente i figli dei medici, si lasciano sfuggire! Secondo loro, tuttavia, una volta laureati un fisioterapista ammortizzerà in poco tempo le spese sostenute per la sua formazione. A sostenere questa tesi, l’interlocutore racconta di come “anni fa abbia avuto un incidente e, per pagare il fisioterapista, abbia pensato di vendere casa“.

Durante il colloquio la spiegazione dei corsi viene fatta di fronte ad una piccola brochure con su scritti i diversi piani di studio ed una piccola dicitura che precisa che i corsi iniziano ad Ottobre, divise in semestri. Ad Ottobre? E se uno è in ritardo, se ne parla l’anno prossimo? “Ma no i corsi iniziano a novembre. Certo, devi decidere velocemente“. Insomma, da questo momento in poi iniziamo a sentire un po’ di pressione sulla scelta da fare perché il tempo a disposizione per pensare è poco.

FATE ATTENZIONE!!

Condividi suShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Be the first to comment on "Saltare Il Test D’Ingresso? All’Estero Si Può….Ma Costa Caro!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*