Come Scegliere Uno Stage

Lo stage è un’utile esperienza formativa istituita per dare ai giovani delle competenze pratiche direttamente sul campo (ovvero presso un’azienda) che costituisce un’occasione unica per la conoscenza diretta del mondo del lavoro oltre che di acquisizione di una specifica professionalità. Per mezzo di esso, i giovani avranno la possibilità di immergersi nella realtà aziendale e acquisire quelle conoscenze ed esperienze professionali che le scuole e le università (purtroppo!) non forniscono quasi mai. Ma lo stage, per essere davvero utile ed efficace, deve rappresentare un’esperienza valida che arricchisca chi lo svolge ed il suo curriculum e che aiuti il giovane a muovere effettivamente i primi passi nel mondo del lavoro. Non sempre, però, il risultato finale di questa esperienza corrisponde alle aspettative iniziali del giovane perché, spesso, si commettono alcuni comuni errori di valutazione. Ma come evitarli? Eccovi qualche utile consiglio per fare la scelta giusta ed ottenere il massimo da questa bellissima esperienza formativa.

Chi Può Fare Uno Stage?

Lo stage può essere svolto da:

  • Gli inoccupati che non hanno avuto precedenti esperienze lavorative (in possesso almeno della licenza di scuola media), studenti, neodiplomati o neolaureati.
  • Disoccupati o lavoratori in mobilità, interessati a svolgere uno stage in settori diversi da quelli in cui si è lavorato fino a quel momento.

Quanti Stagisti Può Avere Un’Azienda?

  • 1 tirocinante se gli addetti non sono più di 5;
  • 2 tirocinanti contemporaneamente se il numero di addetti a tempo indeterminato è tra i 6 e i 19;
  • un 10% di tirocinanti se i dipendenti sono più di 20.

Quanto Dura Uno Stage?

  • 4 mesi per gli studenti della scuola secondaria;
  • 6 mesi per disoccupati o inoccupati compresi quelli iscritti alle liste di mobilità;
  • 6 mesi per allievi di istituti professionali di Stato, di corsi di formazione professionale, di attività formative post-diploma o post-laurea;
  • 12 mesi per studenti universitari, studenti che frequentano corsi di diploma universitario, dottorati di ricerca o corsi di perfezionamento e specializzazione post-secondari anche non universitari;
  • 12 mesi per persone svantaggiate
  • 24 mesi per soggetti portatori di handicap.

Un Master e UNO Stage Assicurano Un Lavoro?

stage formativoEsistono diversi master sul mercato e la maggior parte di loro, al termine del percorso in aula, garantiscono un periodo di stage in azienda. Tuttavia, dopo la laurea molti studenti fanno l’errore di pensare di dover passare necessariamente attraverso uno di questi percorsi formativi (spesso molto costosi!) per poter accedere ad uno stage! Nulla di più falso e sbagliato!! Prima di tutto, si dovrebbe valutare bene se abbiate davvero bisogno di svolgere uno stage! Se avete fatto altri stage in passato…….l’esperienza sul campo (in teoria) ve la siete già fatta! Certamente, uno o due stage dopo la laurea sono utili, di più rischiano di diventare inutili. Infatti, nella maggior parte dei casi, “esagerare” potrebbe non aiutare il vostro futuro e anzi rischierete solo di perdere tempo e denaro visto che la maggior parte delle volte gli stage non sono retribuiti! Inoltre, tenete sempre a mente che la parola stage non significa assunzione certa! Intraprendere uno stage non significa che quell’azienda vi assumerà (o abbia intenzione di farlo) al termine del periodo di tirocinio. Comunque, se vi aspettate un’assunzione, dovete chiarirla ancora prima di iniziare: dovete in pratica verificare sa l’azienda abbia dei posti vacanti e che uno dei candidati potrebbe essere lo stagista qualora dimostrasse di avere le giuste competenze. Se così non fosse, fare un’esperienza in quell’azienda potrebbe comunque essere interessante e utile per voi e per il vostro curriculum…..ma non vi potrà dare delle prospettive occupazionali.

Come Comportarsi Durante Uno Stage

Quando si inizia uno stage, la maggior parte delle volte, ci si sente dire che bisogna essere umili e disposti a tutto! Certo, ma fino ad un certo punto!! Se è vero che all’inizio bisogna rimboccarsi le maniche, essere umili ed imparare da ogni cosa che si fa (anche le fotocopie!), nel medio periodo l’esperienza dovrà essere arricchente ed aumentare le vostre competenze: non dovete quindi accettare di stare là 6 mesi solo a fare fotocopie o portare il caffè al capo! A questo proposito, va detto che di uno stage fanno parte due principali attori: il giovane tirocinante e l’azienda. Da un lato, il giovane che svolge lo stage beneficia dell’esperienza aziendale, affianca i lavoratori ed impara a tutti gli effetti un mestiere. Dall’altro c’è l’azienda che ha sì il dovere di insegnare nuove competenze allo stagista ma beneficia anche di un lavoratore a bassissimo costo (spesso a costo 0!!).Da ciò, si evince che uno stage è veramente utile solo se il beneficio e la convenienza sono per entrambi gli attori e in modo equilibrato. Quindi, vi consiglio di diffidare delle offerte di stage per periodi molto lunghi quando, oggettivamente, la tipologia di lavoro da svolgere non richiede tempi simili. Non è raro imbattersi in offerte di stage per cassieri o “addetti agli scaffali” non retribuiti, della durata di 6 o più mesi. Ovviamente, questi non possono essere chiamati stage, ma rappresentano solo un modo per sfruttare della manodopera a titolo gratuito!

Dove Trovare Uno Stage?

Le possibilità di trovare degli ottimi stage sono molte così come gli enti che affiancano i giovani per aiutarli nella ricerca. Questa si può iniziare già all’università di appartenenza affidandosi agli uffici appositi oppure ci si può rivolgere a strutture che promuovono incontri tra aspiranti tirocinanti ed aziende. Un esempio di questo sono ad esempio:

Invece, sul sito della Fondazione Crui, è possibile consultare bandi per svolgere stage presso istituzioni pubbliche, sia in Italia che all’estero. Molto richiesto, ad esempio, è il bando per svolgere un tirocinio presso le strutture diplomatiche e consolari italiane nel mondo.

Una cosa importante da tenere a mente è che uno stage, per essere considerato legale, deve essere garantito da un ente che agisca come punto di incontro tra il candidato e l’azienda. L’ente può essere un ateneo o anche uno dei siti sopra citati, che avranno anche il compito di svolgere tutte le formalità burocratiche affinchè lo stagista sia tutelato nel corso di questa esperienza (come, ad esempio, l’assicurazione infortuni).

Condividi suShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Be the first to comment on "Come Scegliere Uno Stage"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*