Imparare l’inglese: 5 tecniche efficaci

 

Il linguaggio è la nostra principale forma di comunicazione, il metodo attraverso cui condividiamo le nostre idee con gli altri. Ci sono migliaia di lingue parlate nel mondo, ciascun paese ha la sua lingua nazionale, oltre ad una vasta varietà di lingue locali. Oggigiorno, molti fattori rendono la lingua inglese fondamentale per la comunicazione. Principalmente perché si tratta della lingua straniera più diffusa, cosa che la rende essenziale per poter comunicare a livello internazionale. Sebbene molti ritengano che imparare l’inglese sia difficile, è in realtà la più semplice lingua del mondo perché ci sono molte risorse disponibili, come corsi, consigli su internet, addirittura video su YouTube e film. In questo articolo stileremo una lista di 5 metodi per imparare l’inglese efficacemente.

Imparare l'inglese: 5 tecniche efficaci

Imparare l’inglese: 5 tecniche infallibili

1. Impara ad ascoltare

Che sia una canzone, un video su YouTube o un film, ascolta quanto più possibile materiale in lingua inglese. Se ne hai la possibilità, frequenta posti in cui la lingua inglese è parlata quotidianamente. Anche se inizialmente ti sembrerà un po’ confusionario, col tempo scoprirai invece che questo metodo ti avrà aiutato a prendere familiarità con i vocaboli inglesi e con la loro corretta pronuncia. Nella pratica, ecco un ottimo esercizio che ti sarà d’aiuto per imparare l’inglese:

  • Ascolta attentamente la pronuncia dei vari vocaboli in inglese, ad esempio ascolta una canzone con il testo presente, in maniera tale che tu possa associare il suono di una parola alla sua forma scritta;
  • Pronuncia il vocabolo imitando la pronuncia ascoltata e trascrivendolo correttamente, questa associazione suono-forma scritta ti aiuterà a memorizzare in maniera inaspettatamente veloce!

2. Crea un tuo vocabolario

Questa tecnica è ottima per una ragione: funziona! Durante l’apprendimento, capita che ci piaccia così tanto una parola che dimenticarla sembra impossibile, capita anche però che alcuni vocaboli proprio non ci entrino in testa. Per ovviare a questo problema che ci ostacola nell’imparare l’inglese ecco il nostro consiglio: prendi un’agenda o un quaderno e crea la tua versione di un comune vocabolario, appuntando di volta in volta tutti i vocaboli che ti sembrano un po’ più ostici da memorizzare, inserendoli in un contesto o in un’espressione.

3. Sfrutta il potere del web

Oltre che per consultare testi e visualizzare video, il web ti è di notevole aiuto anche per un’altra ragione. Uno dei trucchi migliori per imparare l’inglese è infatti parlare con persone che l’inglese lo conoscono bene. Il sito web WeSpeke, ad esempio offre un metodo per imparare l’inglese divertente e in chiave social: è possibile infatti registrarsi gratuitamente e chattare con persone madrelingua, conversando in inglese e simulando delle conversazioni. Ci sono inoltre anche delle app, come Babbel o Duolingo che ti consentono di imparare l’inglese, con tanto di test alla fine di ogni paragrafo.

4. Impara l’inglese guardando i tuoi film preferiti

Questo trucco richiede un livello di conoscenza della lingua inglese un po’ oltre quello base e consiste nel cercare i tuoi film preferiti in lingua originale con i sottotitoli in allegato. Associare le parole pronunciate col loro corrispettivo in italiano, ti porterà ad una  stimolante associazione che ti semplificherà l’apprendimento. Un’altra alternativa consiste nel lasciare i sottotitoli in inglese con l’audio in inglese: questo ti farà vedere la forma scritta di ciò che hai appena sentito!

5. Corsi per imparare l’inglese

I punti precedenti erano tutti incentrati su una modalità di apprendimento autonoma, ma ovviamente non mancano le possibilità di affidarsi a corsi di inglese. Ne esistono di diverse tipologie, gratuiti e non, al termine dei quali è possibile conseguire un riconoscimento che fa punteggio e curriculum. Ci sono diverse scuole private in ogni città, ciascuna delle quali adopera un test d’ingresso per decretare il livello di inglese per formare delle classi omogenee in base alla preparazione degli studenti.

Condividi suShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Leave a comment

Your email address will not be published.


*