Come studiare per un esame universitario – 10 consigli utili

preparare un esameQuante volte vi è capitato di sedervi alla scrivania, pieni di buoni propositi, con davanti il nostro bel libro da studiare e poi pensare inevitabilmente ad altro? Credo tante!! Il problema è che non sempre riusciamo a concentrarci e i minuti passano (a noi sembra poco, ma in realtà…!). Ed in sintesi, tirando le somme, ci resta sempre meno tempo da dedicare all’esame universitario che stiamo preparando!

Oggi vorrei quindi darvi una semplice guida con alcuni suggerimenti utili per affrontare il più serenamente possibile gli esami universitari, senza stressarsi troppo e……senza drammatizzare!

1. Fare un “calendario” degli esami da sostenere

La prima regola da seguire è…..organizzarsi il lavoro! Prima che abbia inizio la sessione, cercate di controllare tutte le date degli esami volete sostenere e cercate di costruire una sorta di “calendario” personale degli esami, al fine di far combaciare le date nel migliore modo possibile. Così potrete organizzarvi meglio in base ai vostri impegni e alla mole di studio da affrontare, calcolando anche le pause tra un esame e l’altro! Tenete a mente anche che, dopo un esame, è consigliabile far riposare il cervello per un paio di giorni!







2. materiale di studio

Dopo aver organizzato le date, dovrete iniziare ovviamente a procurarvi il materiale necessario per tutte le materie di studio, ovvero libri di testo, appunti e dispense varie. Vi consiglio sempre di consultare il programma del corso sul sito dell’università o del professore, senza dar retta a voci di corridoio! Sarebbe opportuno inoltre procurarsi subito tutto il materiale da studiare per tutti gli esami che avete in programma di sostenere.

3. lettura

Ora dovrete “armarvi” di matita, gomma, evidenziatore e, possibilmente, di penne di vari colori. Iniziate a leggere. E’ sempre una buona abitudine iniziare a sottolineare per cominciare ad eliminare le parti prolisse del libro o quelle meno importanti. Un metodo che vi consiglio di adottare è quello di usare vari colori, perchè aiuterà molto la vostra memoria fotografica. Usate colori diversi per elementi diversi: ad esempio, le parti più importanti da sottolineare con la penna rossa, quelle meno rilevanti, ma comunque possibili soggetto di qualche domanda, con la blu… e così via. Potete anche cerchiare le parole chiave e scrivere, al lato del paragrafo, un titolo che vi faccia subito venire in mente l’argomento trattato. Anche se questo lavoro necessiterà di molta pazienza, vi sarà molto utile quando inizierete a ripetere.

-------------------------

Segui il nostro Corso d'Inglese

-------------------------

4. riassunti e schemi

Dopo aver letto tutto il libro, potete iniziare a scrivere dei brevi riassunti o gli schemi degli argomenti trattati. In ogni caso, non vi consiglio di scrivere molto! Per due motivi principali: potrebbe affaticarvi troppo e vi farà sprecare tanto tempo. Tuttavia, per alcune materie non sarà possibile scrivere “2 parole”! In generale, comunque, vi consiglio di organizzare i riassunti in questo modo: per le parti più importanti, il riassunto sarà necessario; ma per gli argomenti meno importanti, sarebbe più opportuno fare uno schema. Cioè una sorta di mappa concettuale che riassuma quello che avete appena letto e basato su definizioni, concetti importanti e parole chiave. Anche in questo caso, vi consiglio di usare diversi colori.



5. iniziare a ripetere

Dopo la lettura, i riassunti e gli schemi sarà arrivato l’importante momento della ripetizione. In questa fase, dovete rileggere tutto e ripetere. E vi consiglio di farlo “capitolo per capitolo” o, se necessario, anche paragrafo per paragrafo! L’importante sarà avere ben chiare le idee da esporre poi in sede di esame. La ripetizione è la fase più importante dello studio: si fisseranno i concetti in mente ed inizierete davvero a capirli. All’inizio potete anche ripetere da solo: ma, con l’avvicinarsi dell’esame, sarebbe più opportuno e stimolante ripetere con un collega, per confrontare le proprie conoscenze e migliorare le proprie lacune a vicenda. La mattina, sarebbe il momento migliore, perché la mente è più “fresca”.

6. piccoli “aiutini” alimentari

Per mantenere alta la concentrazione e restare svegli è anche opportuno ingerire determinati alimenti: redbull, caffè, vitamine ecc.! Ai fini della concentrazione, è anche utile il ginseng sotto forma di pillole naturali acquistabili in farmacia o al supermercato, che aiutano anche a stare svegli. In alternativa l’acutil fosforo: un farmaco naturale, a base appunto di fosforo, per aiutare la concentrazione. Mi raccomando, non prendeteli tutti insieme: altrimenti rischierete l’infarto!!

7. fare un break

Ricordate sempre che il cervello, ogni tanto, avrà bisogno di staccare la spina! Le “maratone” di studio….non sono l’ideale! Ogni tanto, prendetevi una pausa. Uscite con gli amici o andate a fare una passeggiata. L’ideale, sarebbe anche lo sport: a fine giornata, un pò di jogging o un paio di ore in palestra, vi aiuteranno a sfogare tutto lo stress e la rabbia repressa!

8. ambiente di studio

Cambiare il luogo abituale di studio potrebbe avere effetti positivi per voi, perchè stimola la creatività e l’ingegno. Rimanere sempre tra le quattro mura della vostra stanza, ben presto vi annoierà e vi farà sentire ancora di più frustrati. Invece, andate a studiare in biblioteca o in sala studio con i colleghi: in questo modo, sarete anche obbligati a stare in silenzio e seduti! Non vi distrarrete ogni poco, magari aprendo Facebook o simili, oppure gironzolando per casa e di tanto in tanto aprendo il frigo per la noia! Un posto diverso, stimola la creatività!

9. consultare siti di appunti universitari

Per aiutarvi nello studio, potete anche consultare appunti di altri studenti che hanno sostenuto l’esame prima di voi. Esistono diversi siti dove gli studenti condividono i loro appunti e anche le domande d’esame, al fine di aiutare i loro colleghi! Tante volte, sono una vera e propria salvezza! A questo proposito, vi consiglio Docsity o Universando, due community fatte molto bene e dove potrete trovare tantissime dispense di qualità divise per materie. Andando sulla home di questi siti puoi scegliere la facoltà di appartenenza e selezionare la materia d’esame o il nome del professore.

10. …..e arrivò il giorno dell’esame!

Il fatidico giorno è arrivato! Come presentarsi all’esame? Prima di tutto, dovete pensare che siete in un’Università. Anche l’immagine è importante! Non potete certo presentarvi in calzoncini corti, canottiera e infradito! Anche il modo di vestire è importante, perché è come il vostro biglietto da visita per una persona che….non vi conosce! Quindi, cercate di mantenere uno stile sobrio e tranquillo: non presentatevi mai spettinato o con le occhiaie fino alle ginocchia! Dovete apparire sicuri di voi stessi! Non fate vedere al professore che avete paura! Sorridete!

Se avete studiato, non avrete niente da temere. Mantenete la calma! Solo dopo la laurea, capirete che un esame non è altro che….un colloquio! E riderete pensando a tutte le ansie e la frustrazioni che vi hanno perseguitato nella vostra carriera di studente!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*